Argomento 2 I 5 errori più comuni del greenwashing

  1. Background nascosto
  2. Nessuna prova
  3. Vaghezza
  4. Tag falsi e bugie
  5. Irrilevanza

Background nascosto

Il prodotto si presenta come ecologico senza tener conto di altre caratteristiche. Ad esempio, molti bicchieri di carta nelle macchine da caffè sono venduti come riciclabili mentre la realtà è che raramente verranno riciclati

 Nessuna prova

Un altro errore tipico è non offrire alcun argomento solido sull’origine dei prodotti o prove che supportino la credibilità delle azioni di CSR, assicurarsi di giustificare e dimostrare il proprio lavoro fornendo esempi reali delle proprie pratiche

Vaghezza

Questo significa non essere precisi, concisi o specifici. Per evitare di essere vago devi esprimere chiaramente cosa stai facendo e come lo stai facendo o rischierai di sembrare troppo opaco e generico.

Etichette false

Attento a quei tag che sembrano certificati da una terza parte e in realtà sono certificati “ad hoc” dalla stessa azienda o da un’azienda che appartiene allo stesso gruppo. Quindi specifica e chiarisci che i tuoi prodotti sono certificati da una vera e propria terza parte.

Irrilevanza

Parla delle pratiche reali che stanno avendo un impatto reale nella società

Ad esempio, è irrilevante menzionare che offri menu vegani ai tuoi dipendenti quando le azioni della tua startup sono profondamente inquinanti

Bilancia le tue attività e assicurati che abbiano un impatto reale

Post a comment

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *