Argomento 2 Come misurare l’impatto sociale?

Esistono diversi approcci di misurazione dell’impatto, ma di seguito si è cercato di creare due categorie principali.

Scoreboard vs Approcci basati sui processi

La prima categoria riguarda gli approcci basati sui processi: il più comune è la “Teoria del cambiamento”. In questo caso si deve identificare un legame tra le tue attività («cosa fai?») e il cambiamento («impatto») che ottieni.

La Teoria del cambiamento è più complessa dei semplici approcci con scorecard, ma sembra guadagnare più terreno nel campo della misurazione dell’impatto e può essere potenzialmente più affidabile per stimare l’impatto delle start-up.

Photo by Ross Findon on Unsplash

La seconda categoria si basa sugli approcci del quadro di valutazione (scoreboard), dove il risultato dell’analisi dipende dallo strumento/metodi in cui ti viene chiesto di valutare la tua prestazione.

Ricorrere allo scoreboard potrebbe risultare problematico nelle prime fasi di una start-up dato che non ci sono molti risultati da valutare, ma potrebbe anche essere utilizzato per riflettere sul punteggio potenziale. In questo modo si possono valutare diversi modelli di business o scelte strategiche che si intendono fare.

Di seguito presentiamo 3 metodi di scorecard gratuiti che possono essere più appropriati per le start-up.

Photo by Kelly Sikkema on Unsplash

Il Borderstep Institute (in collaborazione con GreenUp Invest) ha sviluppato un approccio scorecard molto utile, disponibile come documento PDF tramite questo link. È uno dei pochi approcci sviluppati specificamente per le startup.

Questo manuale PDF riguarda gli aspetti

a) contesto aziendale

b) team di avvio

c) concetto di business

d) prodotto e servizice consente di creare un punteggio complessivo.

Il Center for Social Innovation della Stanford University ha sviluppato uno strumento utile che può essere utilizzato per ottenere una rapida scansione di nuovi progetti, startup, opportunità di investimento, decisioni strategiche ecc. Può essere utilizzato sia per valutare una situazione attuale (risultato), sia (e potrebbe essere ancor più rilevante) per valutare il potenziale di impatto sulla sostenibilità nei prossimi tempi.

La “Bussola dell’impatto” (Impact Compass) ha 6 dimensioni che includono «valore per la società» (cioè quanto è importante il problema che affronti?), «efficacia» (cioè sai se la tua attività contribuirà davvero a risolvere il problema?), «l’entità dell’impatto» (cioè quanto del problema puoi risolvere?) o «scalabilità» (cioè quante persone traggono vantaggio dalle tue attività?).

Attualmente la «B-Impact Assessment» è probabilmente il principale approccio alla scorecard di impatto sulla sostenibilità ed è qualcosa che può essere utile per le startup. Gli strumenti si concentrano sui risultati attuali piuttosto che sul potenziale di impatto e, per alcune startup, sulle loro fasi iniziali.

NB: Alcune delle domande potrebbero non essere rilevanti, tuttavia lo strumento può fornire spunti per il futuro.

Post a comment

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *